Strategie Anti-Freddo


L'estate ce la siamo lasciata alle spalle da un pezzo, le maniche corte e l'abbronzatura per molti sono ormai solo uno sbiadito ricordo. Il massimo esperto in materia Ŕ il professor Olaf Piccivich, ricercatore presso l'UniversitÓ degli Studi di Kiev, il quale sostiene che il freddo sia il peggior nemico della bellezza e ci dice come evitare i suoi effetti negativi:


"Il freddo è il peggior nemico della bellezza; con l'abbassamento della temperatura sale il livello di aridità cutanea e, soprattutto per le donne, la pelle secca diventa un incubo; ma tutto il look perde tono durante il periodo invernale.

Avete presenti quelle fredde serate gelide, tutti coperti dalla testa ai piedi di ogni sorta di indumenti e con il corpo quasi paralizzato dal freddo pungente. Non è raro incontrare un amico per strada e non riconoscerlo, un po' perché si gira con la sciarpa che arriva a coprire anche il naso, un po' perché controvento si cammina con gli occhi socchiusi, per evitare di lacrimare.

Il corpo, anche se protetto dagli abiti, non va trascurato; eseguite dei massaggi sotto la doccia, tonificatevi anche dandovi degli schiaffetti, rendono la pelle soda ed elastica. Abbiate cura anche dei capelli, che sono presi di mira soprattutto dal vento; è facile ritrovarsi con l'acconciatura disastrata, chiome post-atomiche o ciocche ribelli. Assolutamente horror negli uomini di mezza età, il riporto che ondeggia sospeso dal vento mentre si parla, la credibilità raggiunge livelli che rasentano lo zero assoluto.

Le giornate più brevi inoltre, ci privano dei benefici della luce, con tutte le sue proprietà rigenerative delle cellule; ecco perché in inverno tutti hanno il viso più spento, soprattutto gli uomini, perché non vedono più un paio di cosce scoperte dall'estate precedente.

Una cosa bruttissima, da evitare assolutamente, è quella che in termine tecnico si chiama "la faccia roscia dal freddo", in parole povere la faccia rossa dal freddo. E' uno spettacolo indecoroso entrare in un locale o presentarsi ad un appuntamento con la faccia rossa e irrigidita dal freddo; un'espressione inerte stampata in volto e gli occhi fuori dalle orbite. Particolarmente odioso è anche parlare col fumo che esce dalla bocca o abbracciare qualcuno con le mani ghiacciate.

Per evitare questa sindrome bastano pochi piccoli accorgimenti:

- durante il tragitto, prima di arrivare al posto stabilito, fermatevi al primo bar a farvi un grappino,
- uscite ed assumete un espressione intelligente (così che il freddo ve la lasci in volto per tutta la serata)
- indossate dei guanti molto spessi, che toglierete solo 15 secondi prima della meta
- Se il tragitto è lungo, fermatevi in un altro bar per il secondo grappino, il primo si è già dissipato tutto in calore
- Appena arrivate, accendete una sigaretta, giustificherà le nuvolette di fumo quando parlate
- Per evitare i danni cutanei del freddo (soprattutto il rossore), usate una maschera viso traspirante, con vitamine A e C e principi emollienti, per un freddo normale va più che bene la maschera di Zorro, per il super freddo è meglio una maschera da scimmione o direttamente il Passamontagna."




<<< Torna all'indice